Ultima modifica: 21 Dicembre 2020
Cts Cti Varese > Sportello ritiro sociale
Ultima modifica: 21 Dicembre 2020

Sportello ritiro sociale

Lo sportello sul tema del ritiro sociale si concretizza grazie al progetto Sakidō realizzato in collaborazione con la cooperativa L’Aquilone di Sesto Calende e finanziato dalla Fondazione Con i Bambini. Tale progetto mira a realizzare azioni sul territorio varesino di prevenzione e cura rispetto al tema del ritiro sociale.

Il ritiro sociale

Il ritiro sociale in adolescenza è una delle emergenze che interessano i giovani.

Partendo da insuccessi scolastici o esperienze relazionali frustranti, i ragazzi si isolano, compromettendo la vita scolastica, i rapporti coi coetanei e con la famiglia.

Siamo osservatori di un fenomeno in espansione che vede alcuni adolescenti chiudersi fino a non accedere più ad alcuna forma di mediazione con il mondo…altri mantengono un legame «leggero» individuando in internet l’unica possibilità di contatto con l’esterno: chiave di accesso alle relazione con gli altri, al sapere, alla simbolizzazione (avatar e giochi di ruolo).

Questi ragazzi si rifugiano spesso a seguito di gravi crisi evolutive, in una sorta di auto ricovero che, contemporaneamente, esprime il disagio e un primo tentativo di risolverlo. Conosciuti anche come Hikikomori, i ragazzi che si trovano a vivere questa condizione faticano a trovare risposte valide, unitamente alle loro famiglie.

Il progetto Sakidō

Il progetto prevede il coinvolgimento di 10 partner (coop L’Aquilone, Cts, coop Totem, università cattolica di Milano, Cfp Somma Lombardo, Istituto C.A. Dalla Chiesa di Sesto C, Associazione Smart, Ufficio di Piano di Sesto, Ufficio di Piano di Tradate, Comune di Vergiate) e ha in programma la realizzazione delle seguenti azioni:

  • Presa in carico dei minori (psicologica, pedagogica, educativa)
  • Presa in carico dei genitori
  • Laboratori di prevenzione nelle scuole secondarie di primo grado
  • Attività di piccolo gruppo, per i minori in carico, di riattivazione di competenze
  • Laboratori di didattica attiva
  • Formazione per operatori, genitori, insegnanti e adulti
  • Eventi di sensibilizzazione per la comunità locale
  • Ricerca azione
  • Attività di project work
  • Comunicazione e disseminazione
  • Valutazione di impatto

Lo sportello di ascolto

Vista la situazione di pandemia, per questo primo anno di progetto viene proposto uno sportello di ascolto online. Lo sportello è rivolto ad insegnanti e genitori che necessitano di un confronto con un professionista rispetto ad alcune situazioni di ipotetico ritiro sociale. Con lo sportello ci sarà la possibilità di contattare un’equipe multiprofessionale (psicologo e/o pedagogista) per poter attivare le seguenti azioni:

  • Raccolta di informazioni circa i segnali prodromici del ritiro sociale;
  • Confronto specifico su casi;
  • Individuazione di possibili strategie di intervento;
  • Confronto sulle modalità relazionali da attivare;
  • Supporto nella stesura di progetti di intervento specifico all’interno della scuola;
  • Aiuto nell’individuare le situazioni problematiche.

È possibile contattare lo sportello attraverso l’apposito modulo. Si verrà ricontattati al più presto per la definizione di un appuntamento online.

IN PIU’…

Il progetto Sakidō offre l’opportunità di percorsi personalizzati per minori in situazioni di ritiro sociale, più o meno conclamate, e le loro famiglie. È possibile quindi attivare:

  • Primo colloquio di raccolta del bisogno (anche online);
  • Consulenze psicologiche e psicoterapie per minori;
  • Consulenze pedagogiche e/o psicologiche per genitori;
  • Interventi educativi individualizzati al domicilio;
  • Attività in piccolo gruppo.

Per info e costi contattare la dott.ssa Levati Silvia, 392 9772475. Il progetto Sakidō sostiene parte delle spese previste per la presa in carico.